Gengive sanguinanti? Oil pulling un valido aiuto!

Le gengive sanguinanti sono spesso un segnale di qualcosa non va nel nostro corpo. Ignorare il problema è inutile e potrebbe portare a conseguenze non piacevoli come la gengivite che, se non curata tempestivamente, può evolversi in piorrea o parodontite, ma anche a conseguenze più gravi come la perdita di uno o più denti.

A volte la soluzione è più semplice ed economica di quanto si possa immaginare e in questo caso proviene dalle antiche tradizioni.

L’Oil Pulling è, infatti, un’antica pratica della Medicina Ayurvedica che porta alla purificazione e al ringiovanimento e consiste nell’effettuare sciacqui orali utilizzando semplice olio che può essere di Sesamo, di Girasole o di Cocco, che “cattura” le tossine e i metalli pesanti che durante la notte si depositano nella bocca.

In pratica l’olio è in grado di assorbire ed estrarre da denti e gengive i batteri che causano le malattie e le loro tossine, ripulendo la bocca molto meglio di qualsiasi spazzolino o collutorio.

Come effettuare l’Oil Pulling

Ingrediente unico: Un cucchiaio di olio di Sesamo o di Girasole o di Cocco.

Il momento ideale è a digiuno, al mattino prima di lavarsi i denti o di mangiare. Si prende l’olio, lo si pone in bocca e si procede con gli sciacqui, come si farebbe con un normale collutorio, per un minimo di 15 e un massimo di 20 minuti.

È necessario far passare l’olio tra i denti, spingendolo con l’aiuto della lingua mescolandolo per bene con la saliva senza ingoiare. Dopo circa un minuto svanisce la sensazione, a volte sgradevole, di avere dell’olio in bocca.

Alla fine sputare l’olio (mai ingoiarlo, è pieno di tossine!) che sarà diventato biancastro e più liquido per via della saliva. È consigliabile risciacquare la bocca con acqua tiepida e bicarbonato.

I risultati sono rapidi. Entro qualche giorno le gengive non sanguineranno più, l’alito sarà più fresco, la lingua riprenderà un sano colore roseo e i denti diventeranno più bianchi.

Per maggiori informazioni www.oilpulling.com

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *